vendita domande

La tecnica delle domande esplorative nella vendita

Molto spesso i venditori inesperti durante la vendita di un loro prodotto o servizio pongono ai loro potenziali clienti delle domande chiuse, ovvero quelle a cui si risponde solo con un sì o con un no.

In pratica sono l’esatto contrario delle domande esplorative.

Immagina di andare da medico e questo ti chiede: “Come stai?”

Ecco, cosa mai potresti rispondergli?

Evidentemente stai male, altrimenti non saresti lì, no?

È ben diverso quando invece ti chiede: “Cosa ti senti?”

Cioè è una domanda che apre un mondo.

Ecco nella vendita succede più o meno la stessa cosa.

Infatti, le domande esplorative servono per capire:

  1. Ciò di cui il cliente ha bisogno;
  2. Ciò che il cliente sta realmente cercando (e qui si deve fare attenzione perché potrebbe essere diverso da quello di cui ha bisogno);
  3. Cosa gli interessa;
  4. Cosa detesta (anche quest’ultimo punto è molto importante perché potremmo rischiare di proporre una soluzione che gli dà fastidio – ed ottenere l’effetto contrario);

Devi sempre ricordare infatti che NON stai vendendo ciò che desideri, MA devi vendere al cliente quello che lui desidera!

E se non c’è un desiderio, un bisogno o un’urgenza non potrai mai chiudere una vendita con nessuno.

Da qui, l’importanza di fare al cliente le domande esplorative e, soprattutto, di lasciargli tutto il tempo di rispondere e di parlarti di tutto quello che desidera…

… anche i desideri inconfessabili, quelli che magari prova disagio ad esternare.

Più lo farai sentire a suo agio, più si rilasserà e più sarà propenso a confessarti i desideri, quelli più profondi che si celano dietro quelli banali.

Perché è proprio lì la chiave per fargli “aprire il portafoglio”: devi sempre spostare il focus su quell’unico problema urgente.

Ma qual è l’intimo desiderio dei nostri clienti?

Fare bella figura con gli amici? Con la moglie? Oppure magari fare bella figura con gli altri suoi colleghi?

Be’, la risposta è semplice: devi andare letteralmente a scavare.

Io personalmente utilizzo l’imbattibile tecnica dei “perché”, (segreto che regalo anche ai miei studenti), per scavare nell’intimo e nel profondo ed isolare ed enfatizzare al massimo quel problema.

Un problema che spesso il cliente non ha il coraggio di tirare fuori.

Dovrai essere allora tu a scoprirlo, ma sempre usando il dovuto “ciclo di domande”, andando per gradi…

Questo è l’unico modo perché il cliente non si irrigidisca e percepisca sempre che sei dalla sua parte e che lo appoggi nella sua scelta.

Perché, attenzione: porre le domande nel modo errato e toppare in questa prima fase di esplorazione ed ascolto può essere fatale per la vendita e causare un’interruzione istantanea da parte del cliente, che non si fiderà mai più di te.

Se vuoi approfondire l’argomento leggi l’articolo: “Tecniche di vendita: fare le domande giuste”

Detto questo…

Niente panico, perché ho la soluzione che può aiutare anche il venditore più inesperto!

Infatti, quello che ti svelerò alla Sales Mastery University è un metodo infallibile per ricordarsi tutte le domande esplorative da porre al tuo cliente, senza rischiare di saltarne qualcuna.

A volte, infatti, è proprio una singola domanda, apparentemente innocua, che fa scattare la serratura e ti apre “lo scrigno del tesoro”.

E ancora, durante questa edizione ti porterai a casa anche i segreti di Jordan Belfort – il vero lupo di Wall Street.

Ci vediamo a Padova, il 3- 4 – 5 e 6 Giugno 2021.

Clicca qui g2g.to/NBm8 e richiedi i dettagli dell’offerta.

Nel frattempo iscriviti al mio canale YouTube e alla mia pagina Facebook.

Alle tue vendite

Giuliano De Danieli

P.s. Se vuoi saperne di più riguardo alla Sales Mastery Univeristy leggi il mio articolo riportato su Affari Italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
Open chat